Résultat de recherche d'images pour "regione veneto logo"                       Osservatorio Aiuti di Stato 

Seminario "Aiuti di Stato: il ruolo dei giudici nazionali" - Padova, 4 febbraio 2010

Con il patrocinio della Rappresentanza in Italia
della Commissione Europea

 

“AIUTI DI STATO: IL RUOLO DEI GIUDICI NAZIONALI”

Padova, 4 febbraio 2010; ore 15.00 - 18.30

Presso la Sala della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Via VIII Febbraio, 20-24, Padova

L’innovativo seminario riservato ai giudici, in particolare appartenenti ai Distretti della Corte di appello di Venezia, ha attirato la partecipazione di una quarantina di partecipanti.
Il seminario, primo in Italia destinato ai giudici dei Tribunali di Primo grado e di Appello, è stato organizzato dall’Osservatorio Europeo sugli aiuti di Stato (OEAS), in collaborazione con la Corte di Appello di Venezia e con il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, per informare/formare i giudici nazionali sul loro fondamentale ruolo derivante dalla normativa dell’Unione Europea sugli aiuti di Stato.

L'importanza di un seminario di questo tipo è stata evidenziata dal patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea e dalla segnalazione dello stesso anche nel sito della Commissione Europea alla pagina "Cooperation with National Court (State Aid) - Conferences and Studies". Si veda: http://ec.europa.eu/competition/court/state_aid_info.html .

L’OEAS dopo una serie di convegni, di successo e di grande riscontro di pubblico, destinati ai soggetti pubblici e privati, si è voluto cimentare nell’impresa di favorire la conoscenza dei giudici in merito al loro ruolo in materia di aiuti di Stato, con il sostegno della Corte di Appello di Venezia; ruolo che è andato concretizzatosi con la Comunicazione della Commissione Europea dello scorso aprile sul ruolo dei giudici in merito al controllo sulla legittimità/legalità degli aiuti di Stato.

Negli ultimi anni si è assistito, infatti, ad un incremento delle controversie in materia di Aiuti di Stato pendenti a livello nazionale: i Giudici dei Paesi Membri hanno assunto un ruolo fondamentale nell'assicurare la tutela dei diritti dei soggetti interessati e la coerente applicazione della disciplina dell’Unione Europea rilevante, in un'ottica di piena cooperazione con la Commissione Europea. Da qui l'importanza di una puntuale, approfondita e aggiornata conoscenza, da parte dei giudici, della materia che sono chiamati a trattare ed in particolare dei rimedi disponibili in caso di violazione delle norme sugli aiuti di Stato e di orientamenti sull'applicazione pratica di dette norme.

15.00 SALUTI INTRODUTTIVI

Il seminario è stato introdotto dalla Presidente della Corte di appello di Venezia, Manuela Romei Pasetti (nella foto al centro) e dalla Consigliere della Corte di appello di Venezia, Patrizia Puccini (nella foto a destra) le quali hanno sottolineato l’innovatività di un’iniziativa di questo tipo in merito all’approccio informativo/formativo dei giudici.

15.05 INTRODUZIONE ALLE ISTITUZIONI DELL'UNIONE EUROPEA: RUOLI, POTERI e FUNZIONAMENTO
Gianlorenzo Martini, dirigente della Direzione Sede di Bruxelles della Regione Veneto
Scarica la presentazione  

15.30 INTRODUZIONE AL DIRITTO DELLA CONCORRENZA ED IN PARTICOLARE DELLA DISCIPLINA DEGLI AIUTI DI STATO
Riccardo Vuillermoz, Supervisore Scientifico dell’OEAS
Scarica la presentazione  

 

Una prima parte, relazionata da Gianlorenzo Martini, dirigente della Direzione Sede di Bruxelles della Regione Veneto (nella foto a sinistra) e da Riccardo Vuillermoz, supervisore scientifico dell’OEAS,(nella foto a destra) è stata dedicata alla presentazione delle Istituzioni dell’Unione Europea dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona e ad un’introduzione alla disciplina dell’Unione Europea sugli aiuti di Stato.

16.00 GLI AIUTI DI STATO E IL RUOLO DEI GIUDICI NAZIONALI: LA COLLABORAZIONE TRA GIUDICI NAZIONALI E LA COMMISSIONE EUROPEA
Flavia Tomat, Esperto Nazionale Distaccato presso la Direzione Generale concorrenza della Commissione Europea,
Scarica la presentazione

Una seconda parte, cuore dell’incontro, relazionata da Flavia Tomat, Esperto Nazionale Distaccato presso la Direzione Generale concorrenza della Commissione Europea (nella foto a destra), ha riguardato il ruolo dei giudici nazionali in materia di aiuti di Stato.

Ruolo fondamentale che può essere riassunto sinteticamente nei due punti seguenti:

o controllo della legittimità di un aiuto e tutela dei diritti individuali delle parti lese. I giudici nazionali possono essere chiamati a garantire la tutela dei diritti nel caso in cui un’autorità nazionale abbia concesso un aiuto senza autorizzazione della Commissione e senza rispettare uno degli atti normativi dell’Unione europea che esentano gli Stati membri dall’obbligo di ottenere la previa autorizzazione. Per gli aiuti concessi sulla base di uno di detti atti o a seguito di una decisione di autorizzazione della Commissione, invece, il giudice nazionale può essere chiamato a verificare se siano soddisfatte le condizioni poste dagli atti o dalla decisione;

o esecuzione delle decisioni con le quali la Commissione ordina il recupero degli aiuti illegittimi e incompatibili; questa ipotesi sussiste qualora, al termine della sua valutazione, la Commissione sia indotta a concludere che l'aiuto concesso illegittimamente è incompatibile con il mercato comune e quindi ingiunga allo Stato membro interessato di recuperare l'aiuto incompatibile presso il beneficiario.


La normativa dell'Unione Europea di riferimento è:

17.30 I PROVVEDIMENTI CAUTELARI ED IL RINVIO PREGIUDIZIALE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA NELLE CONTROVERSIE SUL RECUPERO DI AIUTI DI STATO, DA PARTE DEI GIUDICI NAZIONALI ED IN PARTICOLARE DEI GIUDICI TRIBUTARI
Luigi Vassallo, Avvocato Cassazionista e Giudice Tributario d'Appello applicato alla Commissione Tributaria Centrale
Scarica la presentazione
Scarica l'allegato alla presentazione

A seguire un intervento, relazionato da Luigi Vassallo, Avvocato cassazionista e Giudice Tributario d’Appello applicato alla Commissione Tributaria Centrale, (nella foto a destra) ha riguardato i provvedimenti cautelari ed il rinvio pregiudiziale alla Corte di giustizia dell’Unione europea nelle controversie sul recupero di aiuti di Stato, da parte dei giudici nazionali ed in particolare dei giudici tributari.

18.00 DIBATTITO

I giudici partecipanti, sostenuti dalla Presidente della Corte di Appello di Venezia, Manuela Romei Pasetti, hanno dimostrato un notevole interesse ad un evento di questo tipo, auspicando che vi sia una diffusione del materiale informativo anche ai giudici non partecipanti e che questa non resti un’iniziativa isolata, bensì il punto di partenza di un percorso formativo/informativo destinato a sostenere i giudici nella corretta applicazione della normativa dell’Unione Europea sugli aiuti di Stato.


RASSEGNA STAMPA

AGENCE D'EUROPE, 10 febbraio 2010
(EU) UE/AIUTI STATALI

10/02/2010 (Agence Europe) - Un seminario organizzato il 4 febbraio a Padova, sotto l'egida della rappresentazione della Commissione europea in Italia, ed organizzato dall'osservatorio europeo sugli aiuti di stato, ha permesso ad una quarantina di giudici di informarsi sul loro ruolo che deriva dalle norme dell'Unione europea sugli aiuti di stato. (vedere: www.osservatorioaiutidistato.eu) dopo le discussioni sugli aiuti di Stato in sospeso a livello nazionale, discussioni che si sono moltiplicate negli ultimi anni, importa infatti che i giudici siano in grado di applicare in modo coerente le norme europee e che conoscano i rimedi di cui dispongono in caso di violazione di queste norme, in particolare dopo l'entrata in Trattato di Lisbona. (L.G. /trad. fn)

COPYRIGHT AGENCE EUROPE© NOT AVAILABLE FOR RE-DISSEMINATION


IL SOLE 24 ORE, 24 febbraio 2010
Aiuti di Stato: il ricorso vale


Speciale Euronauti "Giustizia e Aiuti di Stato" di Telechiara


Per ulteriori informazioni si prega di contattare:

Italia: dott.ssa Donata Gaspari, tel. 349 4200311, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Estero: avv. Erika Gabrielli, tel. 0032 (0)2 7437026, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.